Le 4 zone della Bolivia da visitare

Nella sezione Bolivia, troverai i luoghi principali di questo Paese, tuttavia se stai pensando di fare un viaggio completo devi assolutamente leggere il seguente articolo, dove scoprirai le 4 zone della Bolivia da visitare.

SUCRE

Sucre è la capitale, insieme a La Paz, della Bolivia. E’ situata nella parte meridionale del Paese a 2.800 metri di altitudine.

La città conserva il suo aspetto coloniale nelle costruzioni di colore bianco del suo centro storico, dichiarata nel 1991 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Tra le attrazioni principali che meritano una visita:

  • Plaza 25 de Mayo: l’anima della città, circondata da edifici repubblicani e coloniali con la Casa de la Libertad, importante per la storia della città e del Paese, e la Cattedrale di Nostra Signora del Guadalupe,
  • Oratorio di San Felipe Neri: dalla sua terrazza colorata di rosso si può godere di una magnifica vista della città,
  • Mercato Centrale: con i locali prodotti della zona e del Paese,
  • Piazza de la Libertad: con al centro un Obelisco alto 29 metri, tra gli edifici che circondano la piazza si trova il Teatro Gran Mariscal,
  • Museo ASUR: un museo dell’arte indigena che tramite il percorso ti farà scoprire i materiali tessili tipici delle culture indigene,
  • Museo del Tesoro: dove l’oro, l’argento e le pietre preziose della Bolivia sono il fulcro principale del Museo.
Visita della città di Sucre dalla terrazza dell'Oratorio di San Felipe Neri
Visita della città di Sucre dalla terrazza dell’Oratorio di San Felipe Neri

A 65 km da Sucre nella località di Tarabuco, ogni domenica ha luogo il mercato locale, dove gli abitanti del posto mettono in vendita i loro prodotti dai colorati tessuti alle foglie di coca, utilissima per contrastare i problemi che causa l’altitudine!

Sucre è ben collegata con le altre città boliviane grazie al suo aeroporto e alla rete stradale.

POTOSI’

Potosì si trova a circa 3 ore di viaggio in auto da Sucre. Ha un’altitudine di 4.067 metri ed è stata una delle città più grandi dell’America del Sud per popolazione ed importanza economica.

E’ una città famosa per le sue miniere, quella di argento nel XVII era la più grande del mondo. Nel 1987 venne dichiarata Patrimonio Culturale dell’Umanità.

Non puoi non vedere:

  • Museo Casa de la Moneda: una visita interessante, da qui partivano le monete per raggiungere l’Europa e gli Stati Uniti d’America,
  • Torre de la Compañia de Jesus: dal quale si vede una magnifica della città,
  • le chiese in stile barocco, tra cui quella di San Lorenzo,
  • Cerro Rico, la montagna che sovrasta la città dedita all’estrazione dell’argento.
Potosì con in Cerro Rico
Potosì con in Cerro Rico
COCHABAMBA

Una città che gode dell’eterna primavera con una temperatura media di 25° gradi per tutto l’anno.

Cochabamba, 2.560 metri s.l.m., si trova al centro del Paese in una valle fertile; nell’epoca incaica, gli Inca, convertirono questa area in un centro chiave per la produzione agricola.

Importante è l’Università “Mayor de San Simon” la più antica e la più grande del Paese, il che rende la città giovanile.

Tra la attività da fare in questa città troviamo:

  • il Cristo de la Concordia: nel Cerro San Pedro svetta la statua raffigurante il Cristo alta 34 metri, visibile da ogni parte della città e raggiungibile tramite teleferica,
  • Piazza 14 di Settembre: punto di aggregazione degli abitanti della città, qui si trova la Cattedrale di San Sebastian,
  • Piazza Colòn: importante per la vita notturna, grazie ai molti ristoranti situati intorno alla Piazza,
  • Laguna Alalay: al centro della città la laguna ospita diverse specie acquatiche, al suo intorno si possono percorrere dei sentieri immergendoti nelle aree verdi,
  • Giardino Botanico Martin Càrdenas
Vista della città di Cochabamba
Vista della città di Cochabamba

La città di Cochabamba si raggiunge tramite il suo aeroporto con collegamenti dalle maggiori città boliviane che durano meno di 1 ora.

Oruro

Oruro, si trova a 215 km a sud da Cochabamba, e 315 km a nord di Uyuni. Ha un’altitudine di 3.735 metri s.l.m.

Di grande interesse è il pittoresco e coloratissimo Carnevale di Oruro che attira turisti da qualsiasi angolo della Bolivia e da tutto il mondo, dal 2001 è entrata nel Patrimonio Intangibile dell’Umanità dall’UNESCO.

Oltre al centro della città, tra le attrazioni da visitare ti segnalo:

  • Faro di Conchupata: dove nel 1851 venne issata per la prima volta l’attuale bandiera della Bolivia, oggi è un monumento nazionale della città e del Paese,
  • Museo Simón I Patiño – Casa de la cultura: edificio in stile francese costruito nel 1913 ospita strumenti musicali del Paese, sculture, collezioni di pittura coloniale e contemporanea e mobili in stile Luigi XVI, XVII e XVII portati direttamente dall’Europa,
  • Parco Nazionale Sajama: situato vicino al confine con il Cile, in questo Parco si trovano lagune, acque termali e vulcani, non è molto turistico, la strada è un pò difficoltosa ma il paesaggio e la natura circostante è unica.
  • Balneario de Obrajes: situato a mezz’ora da Oruro, è un importante località termale, per coloro che dopo intense giornate di visita necessitano una giornata in totale relax.
Carnevale di Oruro
Carnevale di Oruro

Queste sono le 4 zone della Bolivia da visitare, secondo Terrarum Viaggi, leggi anche gli altri articoli:

Contattaci, ti aiutiamo a definire il tuo prossimo viaggio in Bolivia!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.